Si è appena conclusa una due giorni intensa del World Business Forum a Milano. PROVOCATORI, provenienti da tutto il mondo, hanno preso la parola sul palco e ci hanno regalato concetti e ispirazioni da non dimenticare. Racconti di vite successo e preziosi consigli su come gestire il proprio business sono stati i temi centrali di questo evento che, come ogni edizione, ha avuto eco mondiale.

Noi di Château Monfort abbiamo avuto l’onore di essere presenti nella Vip Lounge accompagnati dalla nostra immancabile mascotte Juan Lapin, che ha riscosso successo e simpatia da parte di tutti partecipanti.

Per concludere nel migliore dei modi due giornate ricche di contenuti e spunti interessanti vogliamo citare tutti i provocatori che hanno preso parte a questa edizione e, per ognuno di loro, condividere con voi la frase che più ci ha colpito.

STEVE WOZNIAK: ingegnere, inventore, insegnante e conosciuto da tutti per essere il cofondatore di Apple ha dato inizio all’edizione 2014 del World Business Forum raccontando la sua personale esperienza di vita e di lavoro. Ha condiviso con la platea alcuni salienti momenti passati con il suo amico e compagno di lavoro Steve Jobs.

“Oggi, risposte a domande difficili si cercano su Google. Ma spero che le macchine non sostituiscano mai l’intelligenza umana.”

Wozniak WBF2014

Steve Wozniak – Courtesy of WOBI

 

OSCAR DI MONTIGNY: brillante marketing Manager di Banca Mediolanum che con il suo carisma ha saputo coinvolgere l’intero pubblico spiegando il concetto di “Economia 0.0″ in un’epoca in cui bisognerà re-inventarsi per re-inventare.

“Per cambiare il mondo bisogna fare del bene anche a chi non è in grado di ricambiare.”

Di Montigny WBF2014

Oscar Di Montigny – Courtesy of WOBI

MOHANBIR SAWHNEY: ricercatore, insegnante e consulente di marketing strategico riconosciuto universalmente ha voluto parlarci di interconnettività e ricordarci che la prossima frontiera digitale sarà il nostro corpo, basti pensare ai Google Glass.

“Il mondo è il vostro mercato e il mondo è il vostro competitor.”

Sahwney WBF2014

Mohanbir Sawhney – Courtesy of WOBI

JESUS VEGA: è stato direttore delle risorse umane di Inditex e dopo questa esperienza ha analizzato come le aziende raggiungono eccellenti risultati ponendo la seduzione al centro della loro strategia di business.

“La domanda fondamentale è: che cosa mi rende veramente felice?” “La risposta: nulla che si possa comprare!”

Vega  WBF2014

Jesus Vega – Courtesy of WOBI

STEVEN B. JOHNSON: leader di pensiero nell’approccio attuale dell’innovazione ha raccontato dove nascono le grandi idee.

“La realizzazione di grandi idee passa anche attraverso i fallimenti. Ma non li raccontiamo mail…”

Johnson WBF2014

Steven Johnson – Courtesy of WOBI

EUSEBIO GUALINO: amministratore delegato di Gessi, azienda rigorosamente Made in Italy e specializzata in oggetti di arredo bagno, ha raccontato il caso Gessi come esempio di piccola azienda che con il tempo è sapientemente riuscita a distinguersi sul mercato grazie a 4 pilastri: prodotto, persone, pianeta e profitto.

“Tutti i grandi prima di diventare grandi erano piccoli”

Gualino WBF2014

Eusebio Gualino – Courtesy of WOBI

CHRIS GARDNER. A conclusione della prima giornata del World Business Forum è salito sul palco un grande uomo che con la sua passione è riuscito a cambiare la propria vita. Da genitore single e senzatetto per le strade di San Francisco a milionario di Wall Street, Gardner ha incantato l’intera platea con i suoi racconti tanto avvincenti quanto emozionanti al tempo stesso. “Will Smith is not coming!” è stato il suo simpatico esordio sul palco, prima di iniziare il racconto della sua bellissima storia alla ricerca della felicità.

“Se qualcuno non è capace di fare qualcosa dirà che anche tu non puoi farlo. Se vuoi una cosa, prenditela!”

Gardner WBF2014

Chris Gardner – Courtesy of WOBI

 Provocatori al #WBFMI | Day2

Informazioni sull'autore

Château Monfort è un luxury hotel a cinque stelle nel cuore di Milano. L'albergo ti incanta con i suoi spazi sapientemente restaurati ed elegantemente arredati, riproponendo atmosfere e suggestioni di un romantico castello, per far rivivere a ciascuno la propria fiaba da protagonista.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata