Oggi, dopo avervi presentato lo Chef del Sophia’s Restaurant, vi facciamo conoscere la persona che tutti i giorni aiuta lo chef a governare la cucina e a creare piatti uno più buono dell’altro. Lui si chiama Marco ed è un giovanissimo e bravissimo Sous chef che, con il suo buon umore, rallegra sempre la cucina.

 

IdentiCHEF

NOME: Marco Ponti
SEGNI PARTICOLARI: sempre di buon umore e dalla battuta pronta
RESIDENZA: dietro i fornelli del ristorante Sophia’s Restaurant

ristorante a Milano Chef Marco

Innanzitutto Buongiorno e grazie per averci concesso quattro chiacchiere nel tuo regno. Sarebbe buona prassi iniziare l’intervista chiedendoti il tuo piatto forte, ma vogliamo conoscerti proprio a fondo e quindi chiediamo… il piatto che più detesti cucinare?
<<Sinceramente non ne ho, altrimenti non farei il cuoco. Ogni piatto ha il suo pro e il suo contro e io personalmente cerco sempre il lato positivo di ogni piatto.>>

 

Noè con la sua arca salvò 7 coppie di animali, tu quali ingredienti non lasceresti mai a terra?
<<Sicuramente la carne perché amo mangiarla e amo cucinarla, poi non rinuncerei alla frutta e alla verdura. Comunque se potessi prenderei tutto, lasciar andare qualcosa sarebbe doloroso. Secondo me per cucinare al meglio serve un po’ tutto.>>

 

Una cena a quattro mani con Gordon Ramsay, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo o chi fa da sé fa per tre?
<<Chi fa da sé fa per tre, ma se capitasse di lavorare in gruppo preferirei sicuramente la squadra e il team di persone che son cresciute professionalmente con me. Comunque penso sempre che sia meglio soli che mal accompagnati.>>

 

Adesso ti chiediamo di continuare la frase: se non fossi diventato Chef avrei voluto essere…
<<Avrei voluto fare il falegname, per il semplice fatto che, anche in questo caso, si parte dalla materia prima e la si evolve fino alla creazione finale, proprio come in cucina. Inoltre, il legno mi ha sempre dato un senso di calore e di vita.>>

Carlo Cracco suggerisce che “Se vuoi fare il figo devi usare lo scalogno”, ma se volessimo solo cucinare bene?
<<Io userei lo scalogno solo dove serve, più che gusti in cucina ci sono regole e per ogni piatto c’è il suo abbinamento. Personalmente apprezzo molto lo scalogno e se mi dovessi chiedere cosa preferisco tra cipolla, aglio e scalogno direi certamente quest’ultimo.>>

Per concludere la nostra intervista vorremmo sapere chi è stato il tuo maestro, la persona dalla quale hai imparato di più.
<<Il mio maestro è una persona irreale, cioè un ibrido tra tutti i collaboratori che ho avuto nella mia carriera. Ognuno di loro mi ha lasciato qualcosa e mi ha aiutato a migliorare nel corso degli anni.>>

I segreti dello Chef Otello

Grazie di cuore al Sous chef Marco che ci ha concesso questa simpatica intervista. Se volete conoscerlo, ma soprattutto se volete assaggiare le sue prelibatezze lo trovate nella cucina del Sophia’s Restaurant in C.so Sempione 91 a Milano. Vi consigliamo di provare il suo inimitabile cavallo di battaglia:  pacchero monococco con piselli, sarde fresche e menta!

Informazioni sull'autore

Enterprise Hotel è il primo hotel di design 4 stelle superior nato a Milano nel 2002. Enterprise Hotel è simbolo del miglior connubio tra design e innovazione, tradizione ed efficienza.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata